Ognuno deve fare la sua parte: ognuno nel suo piccolo
ognuno per quello che può
ognuno per quello che sa.
Paolo Borsellino

Eletti dell'Expo, cioè persone che dopo aver capito ed approfondito i diversi temi, quei valori li riportano nella vita di tutti i giorni. Ognuno nel suo campo di gioco attua piccoli accorgimenti in modo che tanti piccoli microcambiamenti, moltiplicati, possano produrre un cambiamento di coscienza. Il progetto Umanet Elexpo aggrega un movimento di persone consapevoli dei paradossi del proprio tempo. Persone normali che fanno cose straordinarie quando provano loro stessi ad essere più consapevoli, equilibrati e sostenibili.


La prima parte del percorso propone una narrazione multimediale intorno al tema della scelta.. L'Elexpo è un prototipo di Umanità Futura che si definisce compiendo tre scelte fondamentali: Consapevolezza anziché Ignoranza, Cooperazione anziché Competizione, Evolvere la propria Identità anziché Conservarsi immutati. Utilizzando tre film come metafore e fonti di ispirazione, fotogramma dopo fotogramma, metafora dopo metafora, sarai accompagnato ad identificarti con diversi personaggi. Una volta sarai l'Eletto in "Matrix", che sceglie di conoscere il mondo che esiste oggi, poi i ricercatori in "A Beautiful Mind", che scoprono l'importanza della cooperazione, ed infine vestirai i panni di un cyborg in "Ghost in the Shell", che evolve la propria identità integrandosi con una nuova forma di coscienza.

La seconda parte riguarda l'attivazione del personaggio tramite la partecipazione al social network iElexpo. L'aggregazione che Facebook ha realizzato intorno al tema del "Mi Piace", nel Social Game dell'Elexpo si realizza intorno ai temi "Non Mi Piace" quindi "Ci Provo" a migliorare la situazione. Ognuno individua un ambito in cui mettersi in gioco e prova ad essere "giocatore" e "arbitro" nel "Campionato della Sostenibilità e della Legalità".Rispondere alle sfide lanciate da iElexpo e partecipare a missioni specifiche per dare risposte concrete a bisogni reali, permette di ottenere punti social e scalare la classifica etica della community.

Elexpo, è un protagonista dell'eredità culturale di Expo2015. Misterioso ed enigmatico arbitro della Legalità e della Sostenibilità, la sua identità non è rilevante perchè ciò che conta sono gli ideali che inspirano e guidano il suo comportamento. È stato concepito per essere al tempo stesso attratto dal lato chiaro e dal lato oscuro della Forza. Ha caratteristiche tipiche sia dell'anti-eroe, sia dell'eroe. Come il "SuperBullo" che ha sfruttato gli altri per soddisfare se stesso ma che ora ha superato questa fase ed è capace di sostenere se stesso rispettando gli altri e l'ambiente.


Il percorso proposto dai pannelli in basso presenta il ruolo dell'Elexpo, della community Umanet Web e della Elexpo App. Utilizzando alcuni brani musicali come guida e fonti di ispirazione abbiamo creato diversi videoclip, canzone dopo canzone, osserverai diversi aspetti del progetto Umanet Evolution Technologies


Gli "Eletti di Expo" sono persone normali che imparano a fare cose straordinarie quando scoprono alcuni paradossi della realtà in cui vivono. Può esserlo ognuno di noi, ed è responsabilità di ognuno di noi provare ad essere una persona più consapevole, equilibrata e sostenibile, per sé per gli altri e per il pianeta. Proponiamo agli utenti del nostro portale web una direzione evolutiva espressa nei termini di un grande gioco metaforico chiamato "Navigazione nella Rete della Vita". L'Elexpo manifesta intenzioni verso un obiettivo di equilibrio e sostenibilità e con l'aiuto della Elexpo App guida il proprio comportamento fino alla destinazione. Con Elexpo App puoi vivere meglio nel tuo ambiente, a scuola, a casa, ovunque.
Questo progetto intende aggregare un movimento di persone per promuovere l'eredità culturale di Expo2015 educando e formando l'Elexpo. Una persona capace di evolvere la qualità della comunicazione, con sé stesso, con gli altri e con il pianeta. La Elexpo App premia la buona condotta "ecologica" degli utenti della comunità scolastica concretamente attivi nel miglioramento della qualità della vita a scuola. E' una piattaforma tecnologica che rende divertente, gratificante e concretamente misurabile il contributo di ogni utente al sostegno del proprio ambiente quotidiano, attraverso percorsi di gioco (missioni) individuali e di gruppo.

Ogni persona può agire. Se ognuno di noi fa la sua parte, insieme potremo ottenere ciò che è necessario. Potremo avere un impatto su coloro che decidono la politica e il destino della società, e motivarli affinché attuino i cambiamenti necessari. (Dal libro "Tu puoi cambiare il mondo". E.Laszlo)

Abbiamo due voci che si alternano per creare la composizione multimediale: Il padrone della festa Umanet Evolution.
Abbiamo reintrepretato il testo del brano: "Il padrone della festa" (dall'album omonimo di Gazzè-Fabi-Silvestri) nel contesto della formazione dell'Elexpo e ne è seguito un particolare videoclip.

Voglio che le cariche importanti dove si decide per il mondo vengano assegnate solo a donne madri di figli Sarei così curioso di vedere se all'interno delle loro decisioni riuscirebbero a scordarsi il loro futuro [Il Padrone della festa]

La community umanet web è formata da persone che intendono fare la propria parte e dare un contributo, non importa se piccolo o grande, a rendere la possibilità di un futuro sostenibile più probabile. [Umanet Evolution]


Il tetto delle nostre aspettative è così basso che si potrebbe anche toccare, la vita media di una prospettiva è una campagna elettorale

La mancanza di una prospettiva seria e duratura è un segnale di pericolo che minaccia la navigazione verso l'obiettivo di diventare più sostenibili, per sé, per gli altri e per il pianeta. Senza un'intenzione manifestata e una destinazione impostata, il navigatore non può guidare la mente fino alla sostenibilità.


"ambiente" non è solo un'atmosfera, una rogna nelle mani di chi resta e il sasso su cui poggia il nostro culo è il padrone della festa.

L'ambiente è un luogo che può diventare minaccioso e dove il browser può fare incontri pericolosi. La sedia su cui "poggia il nostro culo" mentre navighiamo nella rete della vita, è la Mente: un altro padrone della festa che, insieme all'ambiente, può decidere le sorti del futuro. Allora è compito dell'Elexpo imparare a guidarla in modo da nutrire e sostenere l'ambiente, sia dentro (psico-fisico) che fuori (psico-sociale; psico-ambientale). Ridurre la propria impronta ecologica in Umanet Expo ha un senso ampio e si riferisce, non solo all'impatto delle nostre scelte alimentari sulle risorse del pianeta, ma anche all'impatto ambientale dei nostri comportamenti quotidiani sulle persone con cui interagiamo.


Dicono che fossero giganti, i primi uomini che camminavano sul mondo per questo forse allora di errori così grandi non c'era bisogno, no non c'era bisogno di sacrificarci a un dio di poche lire pagarlo col silenzio perché si deve progredire ma é come un albero che cresce nella direzione opposta: le radici perse in aria e la testa nascosta.

Da quando gli uomini non sono più giganti, sono gli errori ad esserlo diventati. Il browser cognitivo subisce un'aggressione che rappresenta la scarica della tensione a causa della frustrazione del bisogno di rispetto e nutrimento. L'ambiente è stato trascurato e deluso da un uomo distratto che si è sacrificato a un dio dei falsi bisogni. Un uomo che non sa nutrire sé stesso e di conseguenza non sa nutrire ciò che ha intorno. Il percorso dell'Elexpo è come un albero che cresce nella direzione giusta, con le radici nella consapevolezza e i rami nell'aria digitale. L'Elexpo sa che bisogna sensibilizzare l'opinione pubblica e smettere di pagare con il silenzio l'utopia del consumismo che pretende di crescere all'infinito in un sistema a risorse limitate. Smettere di consumare troppe risorse dell'ambiente è un problema che riguarda tutti.


Invece ciò che ti riguarda mi riguarda, come ciò che lo riguarda, ti riguarda. Se siamo ammanettati tutti insieme alla stessa bomba

Non sono solo le risorse materiali ad essere erose, ma anche quelle sociali. Sta all'uomo potenziale Elexpo decidere se continuare a "festeggiare" come se niente fosse, nascondendo la testa nelle distrazioni offerte dal server di Matrix e con le radici perse in aria, oppure scegliere la via della consapevolezza dinanzi ai problemi da affrontare e risolvere, su scala personale, sociale ed ambientale. La scelta che Morpheus pone a Neo in Matrix: Pillola blu o pillola rossa ? Ignoranza o Consapevolezza ?


Ora per ora per ora, un passo alla volta uno per uno per uno fino alla svolta ora per ora per ora, un passo alla volta uno per uno per uno fino alla svolta perchè il sasso su cui poggia il nostro culo é il padrone della festa

La coscienza collettiva dell'umanità è veramente una e indivisibile, ed è responsabilità di ciascuna persona dare il proprio contributo verso la costruzione di una reale coscienza globale dell'umanità, quella che può essere denominata "noosfera", ovvero uno strato che, come gli altri più fisici come atmosfera, magnetosfera, litosfera…, avvolge la terra come Strato di Coscienza.
A seguire il videoclip della Noosfera Umanet Evolution




Abbiamo due voci che si alternano per creare la composizione multimediale: Elexpo app life is sweet.Abbiamo reintrepretato il testo del brano: "Life is sweet" (dall'album "Il padrone della Festa" di Gazzè-Fabi-Silvestri) nel contesto della promozione dell'Elexpo App. Gli utenti accettano la sfida della legalità e sostenibilità e diventano promotori di uno stile di vita eco-user-friendly, attento ai temi del consumo e nutrimento dell'ambiente, inteso come la rete di relazioni dentro e fuori l'individuo.

Disteso sul fianco passo il tempo, passo il tempo fra intervalli di vento e terra rossa. Cambiando cambiando prospettive cerco di capire il verso giusto, il giusto slancio per ripartire. [Life is sweet]

Per non rimanere sdraiati e ripartire con il giusto slancio è utile assumere la prospettiva offerta degli ElexpoGlasses e del Social Game dell'Elexpo. [Umanet Evolution]


Questa partenza è la mia fortuna
Un orizzonte che si avvicina
Sotto il mio camion c'è la mia cucina
e intanto aspetto aspetto aspetto
che il fango liberi le mie ruote
che la pianura calmi la paura
che il giorno liberi la nostra notte
tutti insieme, tutti insieme

La partenza per il campionato dell'Elexpo è una fortuna, una navigazione nella rete della vita verso Legalità e Sostenibilità. Tutti insieme, tutti insieme, liberandoci dalle paure e lasciando andare nel "cestino per il lupo" gli eccessi iper(…)/ipo(…). Tutti insieme possiamo partecipare al social-game dell'Elexpo App ed ottenere il certifica di eccellenza "Elexpo Advisor".


Ma tutti insieme siamo tanti, siamo distanti
siamo fragili macchine che non osano andare più avanti
siamo vicini ma completamente fermi
siamo famosi istanti divenuti eterni
E continuare per questi pochi chilometri sempre pieni di ostacoli
e baratri da oltrepassare sapendo già
che fra un attimo ci dovremo di nuovo fermare

Tutti insieme siamo tanti, non siamo distanti,
abbiamo app che ci stimolano ad andare avanti,
siamo vicini e ci muoviamo insieme,
pratichiamo principi di equilibrio eterni.
Procediamo verso l'orizzonte incontrando ostacoli da superare,
e anomalie iper/ipo da riequilibrare,
sapendo già che saranno tanti i "lupi" e la paure da neutralizzare.


Da qui passeranno tutti o non passerà nessuno
Con le scarpe nelle mani, in fila ad uno ad uno
Da qui passeranno tutti fino a quando c'è qualcuno
perché l'ultimo che passa vale come il primo
Life is sweet!

Da questo social-game passeranno tutti quelli che accetteranno la sfida della sostenibilità.
Con le proprie risorse, in fila ad uno ad uno.
Fino a quando c'è qualcuno disposto a mettersi in gioco al servizio della propria comunità
Un'appartenenza dove l'importante non è vincere ma partecipare e sostenere.
Con Elexpo puoi vivere meglio nel tuo ambiente, a scuola, a casa, ovunque.


Un ponte lascia passare le persone
un ponte collega i modi di pensare
un ponte chiedo solamente
un ponte per andare andare andare

Elexpo è un social-game per creare cooperazione tra le persone.
Un social network che invita ad impegnarsi per migliorare il proprio mondo.
Una piattaforma per incentivare specifiche missioni da svolgere nel proprio ambiente quotidiano.
Collega giocatori che vogliono evolvere dal "mi piace" al "ci provo".




Abbiamo reintrepretato parte del testo "La canzone dell'Appartenenza (di G.Gaber)" nel contesto della promozione di una cultura dell'appartenenza alla propria comunità scolastica.

L'appartenenza 
non è lo sforzo di un civile stare insieme 
non è il conforto di un normale voler bene 
l'appartenenza è avere gli altri dentro di sé. 

L'appartenenza 
non è un insieme casuale di persone 
non è il consenso a un'apparente aggregazione 
l'appartenenza è avere gli altri dentro di sé. [G.Gaber]

L'appartenenza è avere a cuore il benessere delle generazioni attuali e future. La scuola dell'inclusione e dell'appartenenza non è lo sforzo di civile, ed a volte incivile, dello stare insieme. Una communità non è un insieme casuale di persone, non è il consenso a un'apparente gruppo scolastico,l'appartenenza è avere la scuola dentro di sé.. [Umanet Evolution]


L'appartenenza […] 
è quel vigore che si sente se fai parte di qualcosa 
che in sé travolge ogni egoismo personale 
con quell'aria più vitale che è davvero contagiosa. 
Uomini, uomini del mio presente […]
io non pretendo il mondo intero 
vorrei soltanto un luogo un posto più sincero 
dove magari un giorno molto presto 
io finalmente possa dire questo è il mio posto 
dove rinasca non so come e quando 
il senso di uno sforzo collettivo per ritrovare il mondo. 



L'appartenenza alla propria comunità scolastica è quel vigore che si sente se fai parte di qualcosa, 
gruppi scolastici in cui superare ogni egoismo personale, 
con quell'aria più creativa che è davvero contagiosa. 
Studenti e Docenti del mio presente creiamo insieme un posto più sincero, 
dove un giorno potremmo finalmente dire questo è il mio posto, 
 dove rinasce il senso di uno sforzo collettivo per migliorare il mondo. 




L'appartenenza è un'esigenza che si avverte a poco a poco si fa più forte alla presenza di un nemico, di un obiettivo o di uno scopo 
è quella forza che prepara al grande salto decisivo 
che ferma i fiumi, sposta i monti con lo slancio di quei magici momenti 
in cui ti senti ancora vivo. 
Sarei certo di cambiare la mia vita se potessi cominciare a dire noi

L'appartenenza ad una communità è un'esigenza che si fa più forte alla presenza di un obiettivo o di uno scopo, 
è quella forza che prepara il cambiamento con lo slancio di quei magici momenti 
in cui clicchi su "Ci Provo" e ti impegni per riequilibrare la Forza. 
Saremo certi di migliorare la nostra vita se potessimo cominciare a dire noi.